Stefano Giovenali e Pietro Calabrese, opinioni a confronto